vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Mercoledì 25 ottobre

Bologna

Sala dello Stabat Mater
Biblioteca comunale dell’Archiginnasio
Piazza Galvani, 1

La scuola fa storia

Ore 9.00-13.00
Quando gli studenti sono i ricercatori. Le emergenze della globalizzazione e le risposte della comunità bolognese. Esperienze di scuola-lavoro all’Istituto Parri di Bologna.

Introduce Mario Pinotti. Coordina Marco Guidi.

 

Pianoro (Bo)

Museo di arti e mestieri Pietro Lazzarini
Via del Gualando, 2

Raccontare la storia

Ore 9.00-13.00
Ambienti contro. 15-18: parole e immagini a un secolo dalla Grande Guerra. Visite guidate per le scuole.

Gli scatti al fronte, come nelle retrovie, durante i lunghi periodi di stallo e nello svolgersi dei feroci combattimenti “raccontano” che la guerra è la cancellazione dei valori per i quali si dice di combatterla. Prenotazioni: 338 7738701 (9.30-12.00).

 

Bologna

Museo di Palazzo Poggi
Via Zamboni, 33

La scienza fa storia

Ore 10.00-11.30
La peste. Visita animata per il II ciclo della scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado.

Prevenzione, contagio, cura e credenze: cosa ne pensavano gli uomini dell’Istituto delle Scienze e delle Arti. Prenotazione obbligatoria: 051 2099600.
A cura dell’Aula didattica del Museo di Palazzo Poggi - Sistema Museale di Ateneo (SMA).

 

Bologna

Auditorium del Liceo M. Minghetti
Via N. Sauro, 18

Raccontare la storia

Ore 10.30-11.30
Antonio Pacinotti a Bologna e l’inizio della seconda rivoluzione industriale. Conferenza di Anna Laura Rabiti.

Antonio Pacinotti, scienziato di fama internazionale per aver inventato l'elettrocalamita trasversale in grado di produrre energia elettrica continua, più comunemente nota come "dinamo", ha insegnato Fisica al Regio Istituto Tecnico di Bologna dal 1865 al 1873.
L'esperienza di insegnamento di Pacinotti a Bologna, si inserisce in un contesto di grandi trasformazioni per nostra città e si intreccia con la storia del Gabinetto Aldini. Quest’ ultimo, nato in seguito al lascito testamentario di Giovanni Aldini, aveva sede nel complesso di San Domenico, dove era stato fondato anche il Regio Istituto Tecnico.
Antonio Pacinotti a Bologna collaborò anche con Silvestro Gherardi, suo preside ma anche, fisico, storico della scienza, patriota, curatore dei manoscritti di Luigi Galvani e, nel Gabinetto di Fisica, portò avanti le sue ricerche, utilizzando strumenti che sono ancora conservati nell’importantissima collezione del Museo degli Strumenti Scientifici dell'Istituto Crescenzi-Pacinotti di Bologna.
Dare rilievo alla figura del grande scienziato pisano, che all’inizio della sua carriera ha insegnato nella nostra città è contribuire a valorizzare i risultati delle sue ricerche e evidenziare che con la sua invenzione ha segnato di fatto l’avvio della seconda rivoluzione industriale, quella che si basa sull’utilizzo dell’elettricità.

 

Bologna

Auditorium del Liceo M. Minghetti
Via N. Sauro, 18

Raccontare la storia

Ore 11.30-12.30
Alle origini del Servizio Meteorologico Italiano. Il viaggio di Antonio Pacinotti in Europa. Conferenza di Lorenzo Malatesta.

Antonio Pacinotti, fisico pisano di fama internazionale, inventore della dinamo, compie nell’estate del 1865 un viaggio presso le principali capitali europee (Parigi, Bruxelles, Londra). L’incarico, affidatogli da Carlo Matteucci, scienziato forlivese e senatore del Regno, è quello di recarsi nelle principali capitali europee per studiare con attenzione l’organizzazione dei servizi meteorologici di questi paesi. Attraverso un carteggio inedito fra Carlo Matteucci, Antonio Pacinotti e suo padre, Luigi Pacinotti, è stato possibile ricostruire in dettaglio le fasi preparatorie del viaggio e le diverse tappe in cui si è articolato. L’analisi storica del viaggio, ricostruito attraverso l’epistolario fra alcuni dei più grandi protagonisti della scienza italiana dell’800, offre uno spaccato della scienza italiana del tempo: non solo permette di gettare luce su una scienza, la meteorologia, ancora in fase di pieno sviluppo ma sottolinea l’importanza strategica di un servizio meteorologico nazionale per fini politici militari ed istituzionali.

 

Bologna

Museo di Mineralogia L. Bombicci
Piazza di Porta San Donato, 1

Raccontare la storia

Ore 14.00-18.00
Contesti minerari tra memorie, lavoro e patrimonio. Una prospettiva trans-locale. Convegno.

Saluti istituzionali di Alessandro Gargini, Beatrice Borghi, Francesca Sofia. Segue Visita al Museo di Mineralogia a cura di Giuseppe Maria Bergossi.
Miniere, patrimonio e turismo tra archeologia e memorie dei luoghi. Interventi di Alberto Dragone, Le miniere come attrazione turistica: turismo culturale e della memoria; Antonio Canovi, Metabolismi geo-storici: osservazioni nel paesaggio del Belgio minerario; Alessandro Cucco, Il patrimonio archivistico delle Società minerarie: dal salvataggio alla valorizzazioneStefano Sernagiotto e Roberto Rizzo, Il patrimonio minerario sardo tra archeologia e turismo; Carlo Evangelisti e Fabio Fabbri; Il significato di musealizzare l’attività mineraria presso il giacimento di zolfo di Perticara. Coordina Elisa Magnani.


Bologna

Sala dello Stabat Mater
Biblioteca comunale dell’Archiginnasio
Piazza Galvani, 1

Raccontare la storia

Ore 15.30
Nel cuore della distruzione e della costruzione: beni archeologici e architettonici in Siria e in Emilia-Romagna. Tavola Rotonda.

Interventi di Ettore Janulardo, Patrimoni culturali e visioni; Giovanna Bucci, Rachele Carrino, Raffaella Farioli, Rita Zanotto, Bosra e la regione dell'Hauran in Siria: immagini e suggestioni nelle ricerche della Missione Archeologica dell'Università di Bologna (1977-2009); Claudia Manenti, Paesaggi e comunità nella ricostruzione post-sisma delle chiese provvisorie: prospettive metodologiche; Louis Godart. Con la partecipazione di Andrea Emiliani che sarà insignito del premio speciale internazionale "il portico d'oro - Jacques Le Goff" per il "Patrimonio".

 

Massa Lombarda (Ra)

Centro culturale Carlo Venturini
Viale Zaganelli, 1

Raccontare la storia

Ore 17.00
Carlo Venturini e il suo Museo. Visita guidata.

Visita guidata su prenotazione obbligatoria al: 0545-985832.

 

Bologna

Università di Bologna
Aula IV
Via Zamboni, 32

Raccontare la storia

Ore 17.00-19.00

Dalla parte delle maestre. La stagione pedagogica di Virginia Predieri (1931-2009). Lezione aperta a cura di Mirella D’Ascenzo e Gabriele Ventura.

Saranno presenti insegnanti e docenti universitari. L’iniziativa mira a far conoscere la figura di Virginia Predieri, maestra di scuola dell’infanzia e collaboratrice di Bruno Ciari ed Ettore Tarozzi nel rinnovamento pedagogico e didattico dell’Italia del secondo dopoguerra.

 

Bologna

Sala dello Stabat Mater
Biblioteca comunale dell’Archiginnasio
Piazza Galvani, 1

Raccontare la storia

Ore 18.00
Ultime notizie sull’evoluzione umana. Presentazione del libro di Giorgio Manzi (Il Mulino, 2017). Dialoga con l'autore Andrea Augenti.

In collaborazione con Il Mulino.

 

Bologna

Biblioteca Sala Borsa
Piazza del Nettuno, 3

L’archeologia fa storia

Ore 17.15
L’archeologia fa storia. Visita guidata a cura di Roberto Ravaioli agli scavi archeologici.

Gli scavi archeologici della Sala Borsa, visita guidata a cura dei bibliotecari di Sala Borsa ai resti archeologici della basilica civile romana. Prenotazione obbligatoria: 051 2194400.
A cura della Biblioteca Sala Borsa.

 

Casalecchio di Reno (Bo)

Casa della conoscenza
Biblioteca C. Pavese
Via Porrettana, 360

Raccontare la storia

Ore 18.00

Il Canale di Reno all’origine dell’economia bolognese. Conferenza con immagini illustrate da Ivana Monesi. L’affascinante ed intrigante mondo delle acque, aldilà dell’atmosfera evocativa del Basoli, diventa storia vera, forza energetica ed economica essenziale nella cultura e nella vita dei bolognesi.

 

Argelato (Bo)

Via Argelati, 10

Il paesaggio fa storia

Ore 20.30
I corsi d’acqua della pianura bolognese. Conferenza.

Storia e prospettive dei corsi d’acqua della pianura bolognese.
A cura del Comitato soci di Emil Banca di Argelato.

 

Castel San Pietro Terme (Bo)

Sala Comunale “Sassi”
Via F.lli Cervi, 3

Raccontare la storia

Ore 20.30
Pellegrini, coloni e mercanti. Speranze e paure del Medioevo di fronte alle grandi tragedie: un percorso lungo la Via Emilia. Conferenza di Miles Nerini.

 

Sasso Marconi (BO)

Sala mostre R. Giorgi
Via del Mercato, 13

Raccontare la storia

Ore 20.45
Italiani, brava gente? L’oblio giuridico e l’impunità per i crimini italiani commessi nella Seconda Guerra Mondiale. Conferenza.

Partendo dai processi per la strage di Marzabotto e dal famigerato Armadio della Vergogna si analizzeranno le motivazioni dell’archiviazione di decine di processi per crimini di guerra compiuti in Italia, tra cui le richieste di altri stati di processare criminali di guerra italiani. Una parte della nostra storia che non ci viene mai raccontata in cui scopriremo, nostro malgrado, che anche gli italiani compirono nei territori occupati numerose uccisioni di civili inermi. A cui seguì nel dopoguerra un oblio giuridico.
A cura del Gruppo di Studi progetto 10 righe in collaborazione con le associazioni Le Rossignol, Gruppo XXV aprile e Associazione Ville Storiche bolognesi.


Bologna

Sala dello Stabat Mater
Biblioteca comunale dell’Archiginnasio
Piazza Galvani, 1

La musica fa storia

Ore 21.00
Concerto di canto corale del Coro Athena, diretto da Marco Fanti.


Bologna

Palestra scuole Carducci-Rolandino
Via Dante, 3

Raccontare la storia

Ore 21.30-23.00

Milizie civiche e milizie mercenarie: combattere nel medioevo. Introduzione storica e stage di scherma medievale.

Dagli eserciti comunali organizzati in societates armorum agli eserciti professionali di stipendiarii, un excursus tra battaglie, strategie ed equipaggiamenti nel Medioevo, con particolare attenzione alle vicende militari di Bologna. Introduzione storica, Stage di scherma medievale ed esposizione di repliche di abiti, armi e armature dal XII al XIV secolo. Ingresso gratuito, è gradita la prenotazione tramite mail info@societadeivai.it o cell. 329 4043987
A cura dell’Associazione storico-culturale “Società dei Vai”.